Comunicato: cosa pubblichiamo

APPELLI DI PRIVATI: QUALI VERRANNO PUBBLICATI

Con PRIVATI si intendono tutte le persone che non fanno parte di associazioni, canili, enti per la tutela degli animali (ossia volontari) alle prese con la ricerca di una casa per cani e gatti. Tra i PRIVATI vi sono coloro che, per i più svariati motivi, seguono, curano, si interessano di cani e gatti a cui cercano un’adozione (es. cani sottratti a maltrattamento, cani di persone anziane che non riescono più a tenerli oppure di persone decedute, il cane del vicino tenuto a catena e non più voluto, animali trovati e tenuti presso di sé, per evitargli il canile, alla ricerca di una famiglia ecc…). Queste persone possono ovviamente richiedere la pubblicazione di un annuncio, purché siano in grado di gestirne l’adozione in sicurezza (per questo si consiglia sempre di prendere visione della pagina Tutela del nostro sito).

Per quanti invece ci contattano per cedere l’animale di loro proprietà… il discorso cambia. In merito riportiamo di seguito il comunicato del nostro sito internet.

family

 COMUNICATO WWW.ILCERCAPADRONE.IT: APPELLI PER LA CESSIONE DI CANI DI PROPRIETA’

Con il presente comunicato, si informa che www.ilcercapadrone.it in quanto portale di annunci gestito da un’associazione di volontariato per la tutela degli animali, NON incentiva la cessione di cani e gatti da parte dei loro padroni.

Questo a seguito di numerosissime richieste da parte di proprietari evidentemente stufi, stanchi e totalmente disinteressati al proprio animale, tanto da rivolgersi al nostro sito internet per “risolvere il problema”. A volte, anzi spesso, con giustificazioni assurde, ridicole… per non dire vergognose. E con mail sempre accompagnate da “ la mia é una decisione sofferta” oppure “non dovete giudicare”.

Il nostro staff di volontari è pienamente consapevole del fatto che, a volte, si possano creare situazioni a seguito delle quali una persona sia effettivamente impossibilitata a tenere con sé il proprio quattro zampe e pertanto non è nostra intenzione negare un aiuto per trovare una nuova famiglia a cani e gatti ( che a volte si rivela anche migliorativa per gli stessi animali) evitandogli il passaggio da canili e gattili. Ma la nostra disponibilità nel dare un aiuto è SOLO in tali casi, giustificati da serissimi e gravissimi motivi, non risolvibili diversamente.

Non intendiamo invece incentivare la cessione di cani o gatti di quanti si rivolgono a noi perché in realtà si sono stancati del proprio animale, stufi di accudirlo e di prendersene cura; perché abbaia, perché sporca in casa, perché non ha simpatia per i bambini, perché qualcuno è diventato improvvisamente allergico, perché “mi devo trasferire”, “ho problemi di lavoro” perché “ormai é vecchio”… e la lista potrebbe andare avanti all’infinito. Per non parlare di chi, senza valutare l’opzione della sterilizzazione, lascia che il proprio animale procrei e poi, una volta arrivata la cucciolata indesiderata, lancia sos ovunque altrimenti “devo portarli in canile”!

Tra l’altro, molte motivazioni portate come giustificazione alla scelta di allontanare l’animale (es. problemi comportamentali del cane) sono in realtà quasi sempre risolvibili: dedicando più tempo all’animale, rivolgendosi a un educatore cinofilo ecc… Il tutto sta nell’avere la voglia di risolve i problemi, invece di scaricarli… scaricando il cane!

L’abbandono di un animale non avviene soltanto quando lo si porta in canile/gattile o lo si lascia per strada… ma anche quando si decide di staccarsene, per motivi futili o inesistenti. O risolvibili diversamente. Per il nostro animale non cambia molto: é il distacco da noi che lo fa sentire ABBANDONATO!

La responsabilità verso il proprio 4zampe inizia dal momento dell’adozione e non finisce mai. Bisogna saperlo: un cane ha una media di vita di 12/14 anni (per un gatto é ancora maggiore)… e per tale tempo siamo noi che lo abbiamo scelto, volontariamente e di nostra iniziativa, a dovercene fare carico. Anche in base alla legge in vigore. “La vita cambia…” ci sentiamo spesso dire. Verissimo, ma perché quando cambia deve sempre escludere il nostro animale???

Pertanto, lo staff del sito accetterà di pubblicare appelli di privati che cedono il proprio animale SOLO in caso di:

1 – gravi e comprovate motivazioni;

2 – certezza che non vi siano altre soluzioni diverse dalla cessione dell’animale;

3 – disponibilità del padrone a farsi seguire da un’associazione della propria zona a tutela dell’animale (che deve avere già contattato e che farà da referente).

E ancora, qualora l’animale in questione fosse stato in precedenza adottato dal proprietario presso un rifugio o tramite un’associazione di volontariato, questi é tenuto a contattarli preventivamente (in molti casi, nel modulo d’adozione firmato all’atto dell’affido, vi é una clausola proprio in merito a questa evenienza) per informarli della decisione di cederlo.

Speriamo in questo modo di disincentivare quanti ritengano il cane o il gatto un passatempo ormai consumato e cerchino attraverso le nostre pagine di scaricarlo (magari senza nemmeno tutelarlo come merita) come se il nostro portale fosse un catalogo di cui usufruire per risolversi il problema… a scapito dell’animale.

Lo staff di www.ilcercapadrone.it